“La concezione di check-in è cambiata… e continuerà a cambiare”, parola di @dens

Scritto da il 2 ottobre 2012 Stampa


Qualche giorno fa San Francisco ha ospitato una serie di conferenze incentrate sul mondo dei dispositivi mobile e – soprattutto – sulle opportunità che le nuove tecnologie offrono in questo ambito: il Gigaom Mobilize.

Presenti all’evento c’erano alcuni dei rappresentanti delle più importanti realtà legate a tecnologia e mobilità: da Dave Morin CEO di Path, a Mike Krieger, co-fondatore di Instagram, e – ovviamente – Dennis Crowley, co-fondatore e CEO di Foursquare.

Crowley ha ripercorso il modo in cui è cambiato Foursquare in questi anni, in parte seguendo e in parte anticipando le dinamiche che hanno riguardato la geolocalizzazione e le evoluzioni legate al mondo mobile.

Uno dei passaggi più interessanti dell’intervista riguarda il modo in cui è cambiata la concezione di check-in sia da parte delle persone, sia come sono evoluti per Foursquare stesso, trasformando di fatto l’App in un “search discovery tool”: inizialmente le persone eseguivano un check-in per segnalare la propria presenza in un luogo, magari per guadagnare un Badge o per conquistare una Mayorship; oggi i nostri check-in sono un formidabile strumento per rendere il motore di ricerca interno di Foursquare sempre più potente e personalizzato in base alle nostre abitudini.

Il fatto che il mio smartphone capisca che questa mattina sono entrato in questo palazzo e ci sono rimasto 10 minuti, o che sono andato a fare colazione in quel bar, ecco, questi sono segnali utili a Foursquare per fornire indicazioni e raccomandazioni sempre più precise.

E che ordine di grandezza hanno questi dati? Fino ad oggi sono stati registrati circa 2.5 miliardi di check-in, con una media (oggi) di 5 milioni al giorno e un numero di utenti che ha superato i 25 milioni.

E’ interessante osservare come Crowley parli molto di contenuti, di content creators e di chi, invece, di questi contenuti fruisce in maniera “più passiva”: è sintomatico di come la strada intrapresa con l’introduzione e la “centralizzazione” della sezione Esplora sia quella giusta e quella che può differenziare Foursquare da tutti gli altri servizi simili (o con feature assimilabili).

“Non sono convinto del fatto che le persone vogliano condividere passivamente la propria posizione in ogni momento”, dice Crowley, ed è per questo che, al fine di rendere sempre migliore il motore di ricerca interno, è fondamentale che le persone utilizzino con frequenza la sezione Explore, in modo da “educarla” a conoscere le proprie abitudini, perché

alla gente non interessa aprire una mappa vuota, con indicate soltanto le vie e le piazze; alle persone interessa aprire la mappa di Harry Potter, e noi stiamo cercando di dargliela: una mappa che non sia noiosa e vuota.

Il futuro sarà quindi quello di avere mappe cucite su misura, mappe che sappiano dare delle informazioni personalizzate senza che siamo noi a richiedergliele, e questo sarà possibile magari facendo funzionare l’App in background, senza però intaccare la vita della batteria: Local, Social e Mobile hanno bisogno di meno “frizioni” possibile per poter funzionare al meglio.

Insomma, Foursquare si vuole sempre più porre come un recommendation e discovery engine prima di tutto, visto che l’aspetto legato alle interazioni con le altre persone è ormai implicito nella natura di qualsiasi servizio di questo tipo, e che non può prescindere da questo aspetto per fornire alle persone indicazioni veramente su misura.

Foto di JD Lasica

I numeri Scenari , ,

Post correlati

1 commento

  1. [Report] Tra i principali social network, foursquare è la terza app più usata, 7 dicembre 2012 Rispondi

    […] la versione 5 di foursquare (e tutte le successive migliorie) ha creato senz’altro le condizioni affinché gli utenti trascorrano più tempo sull’app: guardando il feed della tab “Amici” (per mettere like, commentare…), sfogliando i risultati della tab “Esplora”, ecc. – non solo check-in, dunque, per davvero! […]


Lascia un commento

About

L’Osservatorio Foursquare Italia è un sito dove troverai informazioni, novità, approfondimenti, nuovi utilizzi – tutto sulla geolocalizzazione e in particolare su Foursquare.

Questo sito è interamente in italiano e si rivolge a tutti i curiosi e agli appassionati di Foursquare ma anche a chi fa marketing, alle pubbliche amministrazioni, alle aziende piccole o grandi che vogliono imparare e sperimentare qualcosa di nuovo, divertente ed efficace.

Per saperne di più su questo sito...

Disclaimer

Questa opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 2.5 Italia
Licenza Creative Commons

Chiunque è libero di prendere spunto dai nostri post, ma è pregato di mettere ben in evidenza la fonte e l'autore del post originario. Grazie.

Foursquare Italia non è affiliato a Foursquare Labs, Inc.

Twitter Updates