Localmind: fai una domanda su una venue e riceverai una risposta… subito!

Scritto da il 14 febbraio 2012 Stampa


Quante volte avete interrogato il web o avete utilizzato alcuni servizi Q&A per avere informazioni precise su determinati luoghi, più o meno sconosciuti? E quante volte avreste voluto ricevere risposte in tempo reale, a quelle domande? Bene, ecco a voi Localmind.

Localmind è l’app che combina questi due aspetti: la richiesta di informazioni precise su venue di diverso tipo e la possibilità di ricevere risposte in maniera quasi immediata. Lanciata circa un anno fa, è stata ideata e messa in piedi dal team composto dai quattro giovani canadesi Lenny Rachitsky, Beau Haugh, Nelson Gauthier e Nick Adams.

Con Localmind è possibile inviare domande a utenti che, tramite Foursquare, Gowalla, Facebook Places…, hanno effettuato il check-in in un determinato posto e che quindi possono fornire una risposta adeguata. La novità rispetto ai servizi già offerti da altre app o community online sta nel fatto che la risposta avviene in tempo reale, poiché gli utenti “dall’altra parte della cornetta” ricevono la notifica sul loro smartphone e, volendo, possono inviare subito la loro risposta. Volete sapere se quel bar resta aperto fino a tardi o se quel cinema applica lo sconto studenti anche nel week-end? Cercate gli utenti che ne sanno più di voi (perché ci sono già stati) e chiedete direttamente a loro!

Questo il video che, in pochi secondi, riassume il servizio offerto da Localmind:

Quello che il video non fa in tempo a dirvi è che gli utenti che vi risponderanno, oltre ad avervi reso al contempo un’informazione utile e una grossa cortesia in tempo reale, accumuleranno dei punti che faranno aumentare il loro Karma: ogni utente iscritto a Localmind con le sue risposte, i suoi check-in e ogni azione capace di comprovare la sua esperienza su una determinata venue, potrà diventare un Localmind Expert.

L’accesso al servizio è piuttosto immediato: è possibile registrarsi tramite il sito localmind.com o scaricando direttamente l’app da App Store o da Android Market; connettere uno o più account (Foursquare, Facebook, Gowalla, Twitter, google), eventualmente inserire il proprio numero di telefono (se si vogliono ricevere le notifiche anche via sms) e iniziare a chiedere e rispondere. Se navigate da desktop o da device Apple visualizzerete una dashboard con le venue e le relative domande e risposte, su cui cliccare direttamente. Se invece possedete uno smartphone Android, troverete un elenco con le venue disponibili vicino a voi.

Come ha già avuto modo di spiegare Lenny Rachitsky in un’intervista a Gesocialradar, l’idea da cui è nata Localmind proviene da un ragionamento tutto sommato molto semplice: “Tutti hanno uno smartphone, condividono la propria posizione e possono ricevere notifiche. Ciò di cui c’era bisogno era un ponte tra le persone (geolocalizzate) in un posto e le persone interessate a quel posto. Localmind era quel ponte”.

Nonostante gli entusiasmi profusi oltreoceano da riviste e opinion leader accreditati come Mashable (“Genius Idea: Adding a Q&A layer on top of checkins“), New York Times (“Localmind iPhone app is the future of local crowdsourcing“) e Business Insider (“Finally, check-in services have a more practical purpose“), qui in Italia non possiamo che attestare il poco seguito che, al momento, Localmind sta avendo tra i geo-social users. Pochi ancora gli utenti che hanno avuto modo di utilizzare quest’app e pochi quindi i consigli e le risposte geolocalizzate che vi potranno essere utili.

Forse a causa del naturale ritardo con cui il nostro paese percepisce e assorbe le novità che provengono dalla rete e dal mondo social. Forse perché Localmind non è ancora disponibile in italiano. O forse perché gli italiani, ancora, ci credono poco. Voi che ne dite? La trovate utile? La userete?

Foto di Tom

 

Le App ,

Post correlati

2 commenti

  1. Alessandro Fontana, 14 febbraio 2012 Rispondi

    Il problema essenziale sta nell’utilizzo dell’applicazione da parte degli utenti.

    Se in una piattaforma Q&A non ci sono utenti questa risulterà inutile e, quindi, verrà abbandonata dai più. Personalmente non conoscevo l’applicazione, la scaricherò e la proverò perché sono molto curioso di testarne il funzionamento ma sono certo che rimarrà relegata in una cartella del mio smartphone, poco utilizzata a causa dell’assenza di una forte comunità alle sue spalle.

    Magari con il lancio in lingua italiana le cose miglioreranno, sinceramente ne dubito alla luce dell’attuale utilizzo di Foursquare.

    Staremo a vedere,
    Grazie per l’utile segnalazione! :)

    • Dario Adamo, 14 febbraio 2012 Rispondi

      Ciao Alessandro,

      sono perfettamente d’accordo con te riguardo il fatto che un’app del genere debba avere (o comunque costruirsi) una community prima di poter essere davvero utile. Come spesso accade in Italia, credo che il fatto che per adesso ci sia solo la versione in inglese blocchi un po’ gli utenti nel partecipare.
      Insomma, attendiamo “traduzione” in italiano di Localmind e… chi si geolocalizzerà, vedrà :-)

      Grazie a te per l’interesse!


Lascia un commento

About

L’Osservatorio Foursquare Italia è un sito dove troverai informazioni, novità, approfondimenti, nuovi utilizzi – tutto sulla geolocalizzazione e in particolare su Foursquare.

Questo sito è interamente in italiano e si rivolge a tutti i curiosi e agli appassionati di Foursquare ma anche a chi fa marketing, alle pubbliche amministrazioni, alle aziende piccole o grandi che vogliono imparare e sperimentare qualcosa di nuovo, divertente ed efficace.

Per saperne di più su questo sito...

Disclaimer

Questa opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 2.5 Italia
Licenza Creative Commons

Chiunque è libero di prendere spunto dai nostri post, ma è pregato di mettere ben in evidenza la fonte e l'autore del post originario. Grazie.

Foursquare Italia non è affiliato a Foursquare Labs, Inc.

Twitter Updates