I social media incontrano l’e-commerce: Foursquare e il Social Commerce

Scritto da il 16 giugno 2011 Stampa


Una nuova e interessante tendenza sta emergendo nel mondo dell’e-commerce, è chiamata Social Commerce. E’ intuitivo capire come questa definizione indichi l’incontro tra i Social Media e l’e-commerce.

Nella definizione di Social Commerce Today“Social Commerce: a subset of electronic commerce that involves using social media, online media that supports social interaction and user contributions, to assist in the online buying and selling of products and services”.

Alcuni interessanti dati che spiegano il crescente interesse verso questa innovativa modalità di e-commerce sono forniti da un recentissimo studio di Shop.org.

Uno degli aspetti evidenziati dallo studio ci interessa in maniera particolare: il social commerce e la sua crescita sono strettamente collegati alla crescita dell’uso del mobile e delle applicazioni ad esso correlati. “The popularity of mobile devices will only boost the power of social commerce, which presents an incredible opportunity for retailers”.

Foursquare è una di queste applicazioni e viene esplicitamente citata come un servizio ancora in fase nascente, quindi un servizio dalle enormi opportunità e che potrebbe ritagliarsi un ruolo importante all’interno del social commerce.

Perché?

Perché il social commerce, come accennato sopra, è il mercato che di fatto nasce attorno ai SoLoMo consumer. SoLoMo è un acronimo (SOcial LOcal MObile) che indica le applicazioni mobili che combinano il social networking e i dati relativi al posizionamento.

Per tradurre in italiano la felice espressione utilizzata in questo brillante post su Google e Groupon, si potrebbe dire che immaginare il social commerce senza geo-location e mobile sarebbe un po’ come pensare ad Aldo senza Giovanni e Giacomo! :D

Un esempio virtuoso di SoLoMo? Ovviamente Foursquare! D’altronde ne conosciamo bene le potenzialità commerciali.

Il social commerce è il mercato dei SoLoMo user perché sono loro ad essere interconnessi in ogni istante, a recensire in tempo reale i ristoranti in cui si trovano o i prodotti che stanno provando, ad essere massicci utilizzatori dei social media. Sono loro, insomma, ad innescare quel circolo virtuoso in cui le aziende possono e devono inserirsi.

In sintesi sono due i concetti fondamentali da tenere a mente per comprendere e sfruttare il social commerce: l’interest graph e l’acquisto d’impulso.

L’interest graph è il concetto più interessante: è il modo in cui un social network può essere organizzato basandosi sugli interessi delle persone. Credo che questi due aspetti siano stati pienamente integrati nella visione di Foursquare delineata da Crowley nell’intervista a Robert Scoble citata anche da Luca in un post precedente.

Crowley dice:

Foursquare will tell you that you’re close to a sandwich place you read about in the New York Times three weeks ago. And that’s what you want to try.

Che tradotto significa: Foursquare conoscerà i tuoi interessi e vuole implementare un sistema capace di offrirti quello che vuoi appena saprà che si trova vicino a te.

Got it? :)

Foursquare si prepara quindi a diventare molto di più di quello che è oggi. E’ necessario sperimentare modalità d’interazione al suo interno senza però trascurare il contesto social che gli fa da contorno. Pena l’esclusione dal circolo virtuoso del social commerce.

A voi la scelta. E la parola!

Foto di Cross Duck

Scenari , ,

Post correlati

2 commenti

  1. franca felicini, 16 giugno 2011 Rispondi

    Mi trovo d’accordo sulle finalità pratiche del commercio elettronico – se è organizzato e gestito con serietà e competenza puo’ essere uno strumento valido per arrivare con facilità in ogni angolo del mondo dove c’è connessione (possibilmente a basso costo) e dare l’opportunità a chi vuole usarlo, di farlo con comodità dalla propria casa.
    Naturalmente internet non è solo e-commerce ma comunicazione globale, condivisione idee politiche, idee filosofiche, tecnologia e scienza, gioco e televisione da tutto il mondo.
    Non conosco l’inglese e quindi non mi pronuncio su cose che non conosco bene.Grazie per l’opportunità di lasciare il commento.

  2. Pietro Dettori, 16 giugno 2011 Rispondi

    Ciao Franca e grazie a te per il commento.
    Come dici tu internet è un po’ tutto e quindi rimescola le carte in tavola, anche nell’ambito del commercio.
    Vediamo un po’ cosa succederà.

    Torna presto a trovarci per regalarci ancora il tuo punto di vista!


Lascia un commento

About

L’Osservatorio Foursquare Italia è un sito dove troverai informazioni, novità, approfondimenti, nuovi utilizzi – tutto sulla geolocalizzazione e in particolare su Foursquare.

Questo sito è interamente in italiano e si rivolge a tutti i curiosi e agli appassionati di Foursquare ma anche a chi fa marketing, alle pubbliche amministrazioni, alle aziende piccole o grandi che vogliono imparare e sperimentare qualcosa di nuovo, divertente ed efficace.

Per saperne di più su questo sito...

Disclaimer

Questa opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 2.5 Italia
Licenza Creative Commons

Chiunque è libero di prendere spunto dai nostri post, ma è pregato di mettere ben in evidenza la fonte e l'autore del post originario. Grazie.

Foursquare Italia non è affiliato a Foursquare Labs, Inc.

Twitter Updates